Iniziative e circolari UNAS

5.4.20 UNAS: istanza d'arengo su affitti

01 aprile 2020 - finanziamenti ad imprese

Oggetto: trasmissione informativa della circolare ABS in tema di spostamento mutui per imprese e privati, oltre alla possibilità di accedere a finanziamenti fino ad €. 75.000 per imprese ad un tasso del 2,75% da rimborsare in 12 rate.

  

Gentili associati,

molti avranno avuto informazione diretta dai propri istituti di credito, ma come associazione pensiamo di fare cosa gradita nel rilanciare il testo della circolare di ABS in tema di moratoria mutui, ma soprattutto accesso a finanziamenti in conto corrente a scalare, per importi dino a 75.000 euro -.

Giova segnalare che tra i requisiti richiesti vi sia il “merito creditizio” ovvero la situazione soggettiva di ciascun richiedente; ma di sicuro consigliamo ad ogni interessato di rivolgersi alla propria agenzia (meglio se telefonicamente o via email per un primo contatto).

Ovviamente l’intervento può essere richiesto solo ad una banca.

Sul sito di ABS, è possibile scaricare tutte le comunicazioni in originale, nonché la modulistica.

Distinti saluti.

28 marzo 2020 - Comunicato Stampa UNAS

UNAS contraria alla proposta dei sindacati

La CIG alle imprese costa almeno il 40%

Servono sostegni no blocchi delle assunzioni

In risposta della posizione avanzata da CSU, seguita poi da USL, in tema di “Richiesta sospensione licenziamenti collettivi per tutto il periodo relativo all'emergenza sanitaria”, UNAS, desidera porre l’attenzione anche sulle imprese coinvolte in questa possibile soluzione.

Mancati rinnovi di lavoro a tempo determinato o eventuali riduzioni di personale che verranno avanzate (si spera nel minor numero possibile), se dovessero verificarsi, non saranno determinati da capricci dei datori di lavoro, ma nella maggior parte dei casi, da inattività totale per chiusura imposta per legge.

Vorremmo segnale che - di fatto - ad oggi tutti gli artigiani e commercianti sono stati autolicenziati, senza nessun ammortizzatore ... ma questo a molti non è chiaro!!!

Botteghe chiuse equivale a zero incassi in momenti in cui affitti, costo del personale, gestione delle scorte, merce caratterizzata da stagionalità, ecc. hanno messo in ginocchio tutta l’economia.

Vietare i licenziamenti effettuati nel rispetto della normativa, equivarrebbe a spostare il problema ai datori di lavoro.

Quando si afferma che “tanto c’è la CIG”, si dimentica di dire che tutti gli oneri indiretti restano a carico delle imprese: ferie, festività, tredicesima, contributi relativi e TFR sono sempre a carico del datore di lavoro.

E sapete quanto incide il costo indiretto? Oltre il 40% del costo del lavoro!!!

Allo stato attuale non possiamo essere d’accordo con tale richiesta per due motivi:

 intervento non supportato da solidarietà del sistema, ma interamente riversato sui datori di lavoro, oggi già “all’assa”

 intervento a pioggia, slegato da una reale necessità familiare.

E proprio su questo ultimo concetto desideriamo richiamare l’attenzione di tutti, ad iniziare da chi ci governa: siamo in emergenza … se si devono pensare degli interventi questi
devono essere verso situazioni di reale bisogno, a prescindere dalla categoria di appartenenza o dall’essere dipendenti, artigiani, commercianti, autonomi o disoccupati.

 

17 marzo 2020 chiarimenti da Protezione Civile

 

vi alleghiamo la cricolare con alcuni chiarimenti ricevuti dalla Protezione Civile a seguito dell'aver girato le principali richieste degli assoiati

20 marzo 2020 Comunicato Stampa - Circolare UNAS

Solidarietà UNAS per Ospedale di San Marino e campagna #stiamoacasa

UNAS: devoluto cifra pari al 10% delle quote associative riscosse nel 2019

Aspetto economico: proposta concreta e sostenibile per aiutare le imprese individuali

 

Si è appena conclusa una nuova riunione Il Consiglio Direttivo UNAS su piattaforma telematica con analizzati 4 aspetti fondamentali: solidarietà, richiesta aiuto alle imprese, aspetti pratici, raccomandazione a non girare, quale unica soluzione per cercare di contrastare l’epidemia.

Solidarietà:

Oltre a sostenere la raccolta fondi presentata nei giorni scorsi, che vede tutte le sigle sindacali e datoriali in prima linea ed a cui si invita ad aderire, UNAS – nel direttivo appena concluso – ha deliberato di donare all’Ospedale di Stato, per tramite della Protezione Civile – una cifra calcolata pari al 10% delle quote associative riscosse nell’esercizio 2019. Pur considerato il contenuto costo della quota, la somma già bonificata è di €. 3.761,00 -

Aiuti alle imprese:

Preso atto positivamente della delibera del Congresso di Stato - ricevuta nella data di ieri - circa un massivo spostamento delle scadenze fiscali e di legge, UNAS si concentra su due aspetti: supporto a chi si trova in situazione di indigenza, anche tra gli operatori economici e annullamento dei costi fissi in assenza di reddito.

Su questo ultimo aspetto vi è una forte convinzione di procedere ad una mirata e circostanziata richiesta di decontribuzione per redditi da lavoro autonomo.

Il reddito d’impresa è dato dalla somma dei ricavi dell’anno, dedotti i relativi costi. Su questo si pagano prima i contributi e poi le tasse.  Esiste un minimo figurativo ai fini contributivi, in virtù del quale, artigiani e commercianti che non raggiungono detta soglia devono comunque pagare per redditi non percepiti.

UNAS chiederà alle Segreterie competenti, formalizzando già da oggi una specifica proposta, di abolire per l’anno 2020 i minimi contributivi, affinché coloro che non supereranno detta soglia di reddito su base annua, possano pagare su quello che effettivamente percepiranno!

Pagamenti, Premio fiscale e scadenze:

Non tutti i pagamenti dovuti godranno di proroga (es. contributi da versare entro oggi). Per questo motivo si propone di esentare da sanzioni accessorie chi non potesse o tardasse per giustificato motivo. Ovvio che una dilazione auspicata senza interessi dovrebbe essere possibile solo per le imprese che dimostrano difficoltà finanziaria in capo al titolare – se persone fisica – e/o all’impresa, soci ed amministratore, se persona giuridica.

Altresì, per dare sostegno al flusso finanziario dello Stato, premiare chi potrà anticipare pagamenti futuri di qualsiasi tipo (contributi, tasse, imposte, ecc.)  con un bonus fiscale in detrazione, pari all’1% dell’importo versato.

20 marzo 2020                                                                                 Il consiglio direttivo UNAS

 

https://static-support.register.it/wp-content/uploads/sites/3/2015/06/Contatore_1.jpg